Fai metà dei tuoi cereali integrali (idealmente anche di più).


Fai metà dei tuoi cereali integrali (idealmente anche di più).

I latticini interi forniscono calorie in eccesso e grassi saturi in cambio di nessun beneficio nutrizionale rispetto alle versioni senza grassi ea basso contenuto di grassi.Fai metà dei tuoi cereali integrali (idealmente anche di più). Ciò contribuirà a garantire un’adeguata assunzione di fibre e a ridurre l’assunzione di alimenti altamente trasformati.Mangia meno cibi ricchi di grassi solidi (tipicamente saturi e trans), zuccheri aggiunti e sale.Confronta il sodio negli alimenti e poi scegli le versioni a basso contenuto di sodio. Bevi acqua invece di bevande zuccherate per aiutare a ridurre lo zucchero e le calorie inutili.

Questi messaggi saranno enfatizzati a loro volta durante una campagna pluriennale di Let’s Move e USDA per promuovere un’alimentazione migliore quando saranno disponibili anche strumenti online e strategie pratiche.

In definitiva, il lancio di MyPlate è un aspetto dello sforzo di Michelle Obama per eliminare l’obesità infantile entro una generazione e migliorare in generale la salute e lo stile di vita degli americani. Resta sintonizzato per ulteriori messaggi e dettagli sull’alimentazione sana dalla Casa Bianca e dal Dipartimento dell’Agricoltura. Nel frattempo, non dimenticare di colorare almeno metà del piatto con frutta e verdura.

Probabilmente non hai idea di chi sia Steve Kamb, ma questa settimana ha pubblicato qualcosa di straordinario.

Il proprietario di NerdFitness.com si è registrato mentre si allenava in tutto il mondo e gli ci sono voluti solo 123.000 miglia, 18 mesi e 16 paesi per farlo. Per non parlare di un iPhone e più di una dozzina di passanti compiacenti che ha incontrato lungo la strada.

Ha fatto jumping jack a Madrid, push-up in Irlanda del Nord, corse in Perù e Parigi, pull-up in Messico e qualche altro esercizio ovunque tu vorrai essere stato. Forse è il momento di prenotare quella vacanza. Scopri come ha girato il mondo per $ 418.

Ricordi quei giorni spensierati in cui suonò la campanella della ricreazione e corri fuori eccitato per giocare a pallacanestro, dodgeball, campana, quattro quadrati o tag?

Respira di nuovo l’aria fresca e senti la brezza che ti sfiora il viso mentre corri.

No davvero.

Metti da parte il lavoro per soli 10 minuti e rivivi quella breve esplosione di attività: questo è ciò che KEEN, Inc. vuole che tu faccia.

Nell’ambito della sua KEEN Recess Revolution, il produttore ibrido di calzature, borse e calzini outdoor e casual ha tenuto mercoledì a Washington, D.C., il Worldwide Recess Day. Completo di un parco giochi pop-up alla Union Station, KEEN ha allestito una stazione Recess Pledge.

Incoraggiano datori di lavoro e dipendenti a prendersi 10 minuti di pausa retribuita ogni giorno per alleviare lo stress dalla routine quotidiana e per alzarsi e muoversi. Questo, dicono, aiuterebbe a combattere i tassi di obesità.

E, sulla base di un sondaggio condotto da KEEN, gli adulti statunitensi riferiscono che la pausa li aiuterebbe a sentirsi più sani, più felici e più produttivi. (Studi recenti pubblicati sul Journal of Occupational and Environmental Medicine supportano anche l’aumento della produttività.)

ACE ritiene che anche il benessere sul posto di lavoro e una maggiore attività fisica per i dipendenti sedentari siano importanti: scopri come puoi bruciare più calorie nel tuo lavoro e, se sei un manager, come promuovere l’attività fisica nella tua cultura aziendale.

Qual era il tuo gioco di ricreazione preferito da bambino? Accetterai il Recess Pledge di KEEN?

Nike, Inc. è impegnata a mantenere Nike+, la sua piattaforma e community digitale per il monitoraggio dell’allenamento, fresca e rivoluzionaria. La società ha appena rilasciato Nike+ Fuelband il mese scorso, ma mercoledì ha già presentato Nike+ Basketball e Nike+ Training.

Entrambe le nuove ”esperienze”, come le ha chiamate una dichiarazione ufficiale di Nike, Inc., utilizzano un nuovo sensore di pressione Nike+ nelle suole di calzature specifiche per monitorare il movimento e le prestazioni.

La Nike+ Basketball presenta la scarpa, Hyperdunk+, che utilizza i dati di pressione e un accelerometro per fornire ai giocatori di basket rapporti su velocità, altezza verticale e persino ”frenesia”. Questi dati verranno inviati dalle scarpe agli iPhone dei giocatori tramite Bluetooth e questi dati possono quindi essere utilizzati per migliorare le tue prestazioni, ovviamente, e competere con gli altri.

L’esperienza Nike+ Training utilizza anche il sensore di pressione Nike+ nelle scarpe da training Nike+ e invia i dati sulle prestazioni agli iPhone. Può tenere traccia delle tue ripetizioni e ”darti un feedback immediato su ciò che stai facendo nel bene e nel male”, ha riferito Gizmodo.

Nike+ Training fornisce anche allenamenti e approfondimenti dei migliori atleti, tra cui Rafa Nadal, Manny Pacquiao, Allyson Felix e Hope Solo, permettendoti di allenarti a un livello d’élite.

Oltre alla raccolta e al monitoraggio dei dati, Nike ha aggiunto un elemento di gioco in modo che gli allenamenti possano essere più divertenti e competitivi contro i tuoi amici.

L’esperienza Nike+ Training, con Lunar Hyperworkout+ per donne e Lunar TR 1+ per uomini, sarà disponibile il 29 giugno 2012 negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Francia, in Germania e in Cina. LeBron James indosserà la Nike Hyperdrunk+ quest’estate.

Secondo voi il sensore funzionerà? Proverai le ultime scarpe e app di Nike+?

Se sei come me, probabilmente hai sentito parlare di lezioni di pole fitness e forse sei stato curioso di provarne una, ma non sei sicuro di cosa aspettarti esattamente una volta arrivato. Siamo onesti, può essere un po’ intimidatorio. Lo ammetto, ballare non è necessariamente il mio forte, quindi quando ho controllato il programma al Fun Pole Fitness, uno studio locale qui a San Diego, e ho visto una lezione di livello principiante intitolata ”Intro alla Pole Dance con Coreografia”, Mi chiedevo se avrei dovuto restare un po’ più a lungo con quei corsi di danza che seguivo da bambina. Ho quindi iniziato a pensare a cosa dovrei indossare a lezione (una domanda importante che noi donne dobbiamo sapere). Dal momento che questa lezione non prevedeva trucchi (nel senso che in realtà si arrampicava sul palo), i pantaloni da yoga e una canotta aderente funzionavano perfettamente e sembravano essere la scelta di abbigliamento comune tra gli altri studenti. Come insegnante di yoga mi sentivo nel mio elemento (almeno per quanto riguarda il guardaroba) quindi ero pronta a fare un giro di pole fitness!

Per questa lezione fondamentale non è assolutamente necessario un background di danza, infatti anche se sei un po’ ”sfidato ritmicamente” puoi comunque riscontrare un grande successo e, soprattutto, divertirti! Mentre ci esercitavamo sulla sequenza con la musica, abbiamo trascorso un po’ di tempo concentrandoci sui movimenti e padroneggiando le basi prima di lavorare al ritmo, il che è stato utile per aumentare la mia autostima. Forse questa cosa del pole fitness non era così intimidatoria e spaventosa come pensavo dopotutto.

Dopo un ottimo riscaldamento dinamico, abbiamo prima imparato a camminare intorno al palo, un aspetto fondamentale per costruire la coreografia e passare senza problemi da una mossa all’altra. L’istruttore ci ha fatto iniziare in piedi alla sinistra del palo a quello che lei ha chiamato ”9 in punto”. Per aiutare a dare un po’ di prospettiva, immagina che ci sia un quadrante di un orologio sul pavimento attorno al palo, in cui se ti trovi di fronte al palo con le spalle ad esso sei alle 12. Abbiamo lavorato per fare quattro passi intorno al palo: uno alle 12, uno alle 3 e uno alle 6 prima di tornare alla nostra posizione fissa alle 9 (o casa base, se vuoi) . Ci sono state quindi mostrate due diverse opzioni per muoverci attorno al palo: fare un passo con un piede mentre esegui un trascinamento con l’altro piede, o fare un passo in alto attorno al palo, sollevare il ginocchio prima di abbassare il piede, il tutto tenendo il palo con una mano mentre ti muovi. Da lì, abbiamo lavorato su alcune coreografie divertenti che includevano movimenti come i cerchi dell’anca e le rotazioni delle spalle, tutte integrate nel riscaldamento. Quindi c’erano molte opportunità per esercitarsi e lavorare sul perfezionamento di quelle mosse.

Successivamente, siamo passati agli spin. Durante la lezione siamo stati introdotti a due diversi giri e ci è stata data ampia opportunità di esercitarci entrambi, con e senza musica. Grande attenzione è stata posta alla sicurezza durante tutta la lezione, ma soprattutto durante l’apprendimento delle trottole, quindi abbiamo trascorso un po’ di tempo lavorando per stabilire una presa adeguata, imparare il corretto posizionamento delle spalle per proteggere i delicati muscoli dell’articolazione della spalla e imparare ad atterrare correttamente da ciascuna rotazione per garantire la sicurezza delle ginocchia e delle caviglie.

Se qualcuno mi avesse mai detto che stavo girando intorno a un palo e sembrava che sapessi cosa stavo facendo, non gli avrei mai creduto. Ma l’ottima istruzione dell’insegnante insieme alle piccole dimensioni della classe e alle mosse fondamentali facili da imparare mi hanno dimostrato che mi sbagliavo. La mia esperienza con questa lezione di pole fitness non è stata solo divertente, ma anche rafforzante e umiliante, poiché ha sfidato la mia forma fisica in un modo completamente nuovo (diciamo solo che l’ho sicuramente sentito tra le braccia e le spalle il giorno successivo)! Sebbene inizialmente pensassi che questa lezione avrebbe avuto un forte focus cardio a causa delle parole ”danza” e ”coreografia” nel titolo, i movimenti che abbiamo esplorato si sono concentrati molto sulla forza, in un modo molto diverso dal semplice sollevamento pesi a la palestra. Abbiamo trascorso una notevole quantità di tempo concentrandoci sulla meccanica corretta e analizzando davvero le mosse, rendendola una classe adatta a quasi tutti i livelli di abilità. Il ritmo della classe non era quello con cui qualcuno avrebbe faticato a tenere il passo, e c’erano una varietà di modifiche e progressioni offerte per rendere ogni mossa più facile o più difficile, a seconda del tuo livello di abilità.

Se stai cercando un modo divertente per essere fisicamente attivo mentre ti concentri sul miglioramento della coordinazione, dell’equilibrio, della resistenza, della flessibilità e della forza, allora il pole fitness potrebbe fare al caso tuo. Se gli elementi più sensuali che accompagnano questo stile di classe, come provare mosse come ”bottino in su” e ruotare i fianchi ti fanno sentire più impacciato di quanto non facciano, allora questa potrebbe non essere la classe per te. La verità è che non devi essere un ballerino esotico per avere successo in una classe basata sul palo: tutto ciò di cui hai bisogno è un grande atteggiamento e il desiderio di divertirti mentre ti alleni (nota per te stesso: questo significa controllare il tuo ego alla porta).

In conclusione: una citazione che amo è ”ogni risultato inizia con la decisione di provare” e non potrei pensare a un modo migliore per riassumere la mia esperienza di lezione di pole fitness. La sensazione di girare con successo (e con relativa grazia) intorno al palo non solo ti farà divertire, ma ti farà anche sentire sicuro. Non sarebbe stato possibile se non avessi mantenuto una mente aperta nel provare questo stile di lezione. Il mio consiglio è di mettere da parte ogni preconcetto che potresti avere su ciò che puoi e non puoi fare, e non aver paura di sentirti un po’ sexy… e ovviamente sudare!

Il tema della nutrizione è un po’ un pendio scivoloso nel mondo del fitness. La sfida più grande non è sempre una mancanza di conoscenza da parte del personal trainer, ma piuttosto la mancanza di una regolamentazione coerente delle leggi e delle pratiche nutrizionali da stato a stato. A complicare ulteriormente il tema della nutrizione sono le aspettative dei clienti su ciò che i loro formatori possono e dovrebbero essere in grado di fornire loro quando si tratta di pratiche dietetiche. Pertanto, i formatori non devono solo sviluppare un livello di familiarità con il tema della nutrizione, ma devono anche comprendere le leggi governative dello stato in cui esercitano e definire chiaramente il loro ambito di pratica. Naturalmente, questo è più facile a dirsi che a farsi.

Detto questo, i personal trainer hanno la responsabilità professionale e l’obbligo di aiutare a educare i propri clienti sulle linee guida nutrizionali corrette. I formatori possono adottare misure attive per fornire in modo sicuro, efficace e legale questa importante componente dei loro servizi professionali pur rimanendo nel loro ambito di pratica.  

Alimentazione e fitness richiedono un equilibrio. Non è possibile (o consigliato) semplicemente superare le cattive pratiche dietetiche. Il corpo ha bisogno di carburante per funzionare, sia per svago che per competizione. Il cibo è quella fonte di carburante. Ciò significa che, come personal trainer, dobbiamo avere (almeno) una conoscenza di base dei principi, delle linee guida e delle raccomandazioni nutrizionali. La cosa più importante da ricordare: non formulare raccomandazioni o fornire ai clienti piani alimentari specifici (a meno che tu non sia un professionista del fitness che possieda le qualifiche richieste per fornire tale guida).

Ecco cosa puoi fare per ridurre la tua responsabilità e fornire comunque questa formazione necessaria ai tuoi clienti.

Conosci la Legge

In primo luogo, ricerca le leggi e gli statuti nel tuo stato. Come decine di altre leggi, i singoli stati si riservano il diritto di vigilare su come viene praticata e regolamentata la nutrizione (Muth, 2013). Questo lo rende difficile perché non esiste una regola rigida su cui i personal trainer possono fare affidamento. Invece, dobbiamo essere fornitori informati e sapere cosa richiede lo stato (o non lo fa, in alcuni casi). Ad esempio, il New Mexico richiede una licenza, il Nevada richiede una certificazione e Colorado, Arizona e New Jersey non hanno alcun requisito. Ciò significa che in quegli stati senza requisiti, quasi chiunque può praticare la consulenza nutrizionale (Muth, 2013).

Inoltre, i personal trainer devono anche rispettare la posizione e il codice etico della loro agenzia di certificazione. Molte organizzazioni hanno una dichiarazione che riflette la filosofia professionale dell’agenzia su questo e molti altri argomenti. La dichiarazione di ACE è disponibile qui.

Educa te stesso e i tuoi clienti

In secondo luogo, impegnarsi in iniziative di formazione continua in materia di nutrizione. Fortunatamente, questo può essere ottenuto prendendo lezioni attraverso una varietà di organizzazioni approvate dall’NCCA, inclusa ACE. Assicurati di controllare l’elenco delle classi di fornitori CEC approvati dalla tua organizzazione per registrarti a un corso.

Quando istruisci i tuoi clienti, è ragionevole e prevedibile che tu condivida le risorse approvate o sviluppate dal governo federale. Ciò include risorse come le Linee guida dietetiche per gli americani e le raccomandazioni MyPlate. Inoltre, gli sforzi educativi che fai con i clienti non devono limitarsi a fornire un volantino o un articolo. Diventa creativo e offri dimostrazioni di cucina, workshop o seminari. Puoi anche collaborare con un dietologo per rafforzare le informazioni che sei in grado di offrire ai tuoi clienti. Se scopri risorse esterne sviluppate da un medico o un dietologo, puoi distribuire tali informazioni anche ai clienti.

Cosa non fare

Terzo, sapere cosa c’è al di fuori dell’ambito di pratica del professionista del fitness. Secondo la dichiarazione di ACE, i professionisti del fitness non dovrebbero impegnarsi nelle seguenti azioni:

Offri piani/consigli personalizzati per i pastiCondurre una valutazione nutrizionale per valutare le esigenze e lo stato dei singoli nutrientiFormulare raccomandazioni specifiche per l’assunzione o diete specialiOffri consulenza nutrizionaleConsiglia integratori alimentariPromuoversi come dietista o nutrizionista (a meno che non sia specificamente autorizzato)

L’esecuzione di una delle operazioni di cui sopra, indipendentemente da ciò che dice la legge statale, sarebbe considerata dietonus non etica e al di fuori dell’ambito delle conoscenze, abilità e abilità di un professionista del fitness.

Comunicazione, informazioni e segnalazioni efficaci

Molti clienti presumono che il loro personal trainer possa spostare le montagne e ciò include fornire una guida specifica sulle pratiche nutrizionali. È ragionevole e prudente per un formatore comunicare in modo chiaro e aperto la gamma di servizi che può fornire legalmente, eticamente e abilmente.